CINEDAMS TORINO ALL’ALESSANDRIA FILM FESTIVAL

Tra il 4 e il 6 marzo il cinema indipendente è stato protagonista ad Alessandria, grazie all’intraprendenza delle poche, ma efficienti figure chiave che ne hanno reso possibile l’organizzazione.

L’Alessandria Film Festival, #nonostanteBurian per dirla con un hashtag a loro caro, è giunto alla seconda edizione premiando La vendedora de fosforos, di Alejo Moguillansky, come miglior lungometraggio dell’edizione appena terminata.

Francesco Pannofino durante il suo intervento con Steve Della Casa

Il festival è stato l’occasione per riflettere su una delle professioni del cinema: quella del doppiatore. Per farlo, nella giornata di sabato 5 marzo sono intervenuti Gualtiero Burzi (per sostituire Michele Gammino, fermato ai box da una bronchite) e Francesco Pannofino, entrambi intervistati da Steve Della Casa. Pannofino ha infiammato il pubblico con le sue imitazioni e i tanti riferimenti a Boris.

Gualtiero Burzi dialoga con Steve Della Casa, snocciolando aneddoti sulla propria professione

La sala grande della Associazione Cultura e Sviluppo, teatro della manifestazione, si stima che abbia raccolto all’incirca mille persone durante il festival, e di tutte le età e tipologie.

Non solo erano presenti i registi, ma anche tanti curiosi e soprattutto molti bambini, che nella mattinata di sabato si sono potuti sbizzarrire grazie all’iniziativa “cine-mini”, pensata proprio per le scuole e per i più giovani.

Era dai tempi del Ring! che ad Alessandria non si vedeva un festival dedicato al cinema, ed è stato interessante osservare la risposta del pubblico, nonostante le condizioni atmosferiche avverse.

I direttori artistici Lucio Laugelli e Stefano Careddu insieme al presentatore Errico D’Andrea

Di seguito tutti i premi assegnati durante il Festival:

Miglior lungometraggio: La vendedora de fosforos di Alejo Mougillansky, Argentina 2017
Menzione speciale: Appennino di Emiliano Dante, Italia 2017
Miglior cortometraggio: Cani di razza di Riccardo Antonaroli e Matteo Nicoletta, Italia 2017
Miglior interprete: Jan Marczewski in Reservation di Wiktor Bojanowski, Polonia 2017

 

Share this!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.