“ALELÍ” DI LETICIA JORGE

Una spigliata vignetta sul saper ridere. Ridere del dolore e trasformarlo in qualcos’altro: questo è quello che cerca di fare Leticia Jorge nella sua opera seconda Alelí.
La famiglia Mazzotti è calorosa, avvolgente, squilibrata; la morte del padre è l’antefatto delle vicissitudini bizzarre e inverosimili che si susseguono nell’arco di una giornata. Una nera commedia familiare che si confrontano con uno schema classico: venuto a mancare un membro della famiglia, i parenti tentano di gestire il patrimonio materiale ed emotivo che il defunto si lascia dietro.

Alelí è il nome della casa al mare, centro gravitazionale delle preoccupazioni dei fratelli, fulcro simbolico del racconto stesso. Significativamente, la dimora ci viene mostrata per la prima volta a metà del film, svettando in un’inquadratura dal basso che sembra permetterci di entrare nell’intimità più autentica dei personaggi. Intorno alla decisione di vendere o meno l’abitazione ruotano e si definiscono le personalità dei tre figli.

Ernesto (Néstor Guzzini), Lilián (Mirella Pascual ) e Silvana (Romina Peluffo) hanno caratteri profondamente diversi. Silvana è la pecora nera. Incasinata, sola, costantemente distratta da se stessa e da una realtà che non sembra totalmente appartenerle. Perno della disfunzionalità famigliare per tutto il film, finisce per rivelarsi compensatrice fra gli squilibri relazionali. Ernesto, unico maschio in mezzo a due figure femminili che non potrebbero essere più diverse, è il più fedele alla figura paterna. Devoto alla materialità degli oggetti, al ricordo delle piccole tradizioni quotidiane e contrario alla vendita della casa, sembra fondersi con la figura del genitore, come se lui fosse un suo doppio, o volesse diventarlo. La regista lo mostra spesso davanti allo specchio, riflesso da una somiglianza che in pochi ma eloquenti momenti sembra quasi sdoppiarlo fisicamente e ridar vita a un corpo ormai assente. Infine c’è Lilián, in costante scontro con il fratello, più lucida, distaccata, a tratti cinica rispetto agli altri due. Il sistematico disaccordo tra lei ed Ernesto genera molti dei momenti più divertenti e stravaganti del film, un intrecciarsi di episodi in un arco narrativo che parte da una distanza inconciliabile per concludersi in una genuina complicità.

A chiudere il cerchio degli alterchi familiari c’è, come prevedibile, Alelí. Una casa che si infiamma di relazioni difficili, di sensibilità che faticano a trovare un collante, dei tentativi incessanti di anestetizzare la paura del cambiamento e della morte. E il film sembra suggerirci che l’unica soluzione possibile per dominare il tragico sia, in fondo, saperci ridere su.  

Giulia Leo

Share this!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.