CHE COSA CI LASCIA QUESTO 2020?

Chissà se il 2020 potrà essere ricordato non come l’anno dello stallo imposto dal Covid-19, bensì come l’anno in cui abbiamo potuto farci più domande rispetto al futuro. Vale per tutti i campi, ma parlando di cinema questo è stato l’anno in cui non abbiamo potuto andare in sala, in cui molti eventi culturali sono stati cancellati, in cui abbiamo visto emergere lo strapotere incontrastato delle piattaforme audiovisive. E mentre si spegnevano le nostre quotidiane attività abbiamo dovuto chiederci: come sarebbe il mondo senza Cinema? Che cosa trovo in sala che a casa non ho? Frequenterei davvero tutti i festival che desidero se li avessi a portata di mano? Quanto vale un film quando non abbiamo più i numeri del botteghino a confortarci sul suo successo?

E ogni giorno, dalle nostre case, abbiamo seguito l’avvicendarsi di notizie sempre più incalzanti, tra le ultime quella che Warner Bros farà uscire i suoi titoli previsti per il 2021 in contemporanea in sala e in piattaforma e che il Festival di Berlino si svolgerà online. Dopo quasi un anno possiamo vedere che, anche se noi siamo stati fermi, il mondo del cinema ha continuato a viaggiare, insinuando le sue radici dove poteva trovare acqua per abbeverarsi. E lo sta facendo a gran velocità, così che è difficile stargli dietro, nonostante l’interconnessione governi le nostre vite.

Tardano i provvedimenti e le disposizioni di legge, ma soprattutto tarda una analisi sui risvolti sociali che la rivoluzione del settore cinema porterà nelle nostre vite negli anni a venire. Oltre gli spunti è ancora difficile connettere tutti i puntini.

E forse questo è il momento in cui il discorso sul cinema può tornare a essere un discorso sociale, in cui le nozioni di giustizia, opportunità tecnologiche e lavoro culturale si incontrano, tornando alla premessa fondamentale: tutti noi ci confrontiamo con il cinema, al di là del nostro lavoro e della nostra formazione, e il nostro approccio sta cambiando.

Un momento così denso di domande trova un grande ostacolo nell’impossibilità del dialogo reale, di un contatto umano e della condivisione, che la tecnologia ci permette solo in parte. I luoghi fisici, prima dati per scontati, rappresentano adesso una possibilità mancata, un’esperienza perduta, il tassello mancante alla realizzazione dei nostri progetti di studenti e lavoratori del settore cinema.

Considerato che la morte del Cinema è stata già chiamata a gran voce troppe volte, possiamo concludere che la domanda con cui lasciamo questo 2020 è: cosa faremo noi per il Cinema?

Arianna Vietina

Share this!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *