“DRAMARAMA” DI JONATHAN WYSOCKI

Il 36° Lovers Film Festival si è aperto con la proiezione di Dramarama, il primo lungometraggio di Jonathan Wysocki. Il film, ambientato nel 1994 a Escondido (California), è una commedia brillante e ricca al contempo di questioni e riflessioni profonde. Un gruppo di cinque amici follemente appassionati di teatro (e di cinema) si riunisce a una festa in maschera per salutarsi prima della partenza per i rispettivi college. 

«Volevo dirvi che» è la frase che il protagonista Gene (Nick Pugliese) ripete più volte, desideroso di sfruttare l’occasione per rivelare agli amici la propria omosessualità. Il film, allora, è il racconto di una lunga serata, con evidenti richiami a Il grande freddo (Kasdan, 1983). Come nel film di Kasdan, infatti, anche in Dramarama la reunion dei giovani amici diventa un’occasione per ragionare sulle proprie identità e per valutare i motivi che legano il gruppo; tuttavia, queste riflessioni rischiano di sgretolare convinzioni e far emergere verità nascoste. Ciascuno dei ragazzi appare profondamente irregimentato e sicuro del proprio futuro, incapace di contemplare il rischio di perdere le proprie certezze. Di fronte a questa prospettiva tutti appaiono impauriti, insicuri, a volte persino isterici, perché non ancora pronti ad assumersi delle responsabilità. Diverso è il caso di Gene, l’unico a rimanere nella propria città, etichettato persino come “clandestino” proprio perché sembra sempre nascondere qualcosa; ma, in fondo, l’unico elemento che lo rende outsider rispetto agli altri è il fatto di aver preso consapevolezza di se stesso e di essere già diventato adulto. 

L’intreccio tra comicità e dramma si realizza nella mescolanza tra realtà e gioco, che non a caso è quello della recitazione. Il teatro diventa un modo per scappare dalla vita reale e per esorcizzare alcuni tabù. Il gruppo, infatti, è profondamente credente e praticante, fattore che costituisce un ulteriore ostacolo al coming out di Gene; la missione di quest’ultimo diventa quasi invisibile agli occhi del quintetto, che si dichiara infatti una “famiglia”. Questo nucleo, tuttavia, è prigioniero di preconcetti radicati nella propria educazione, ma crescendo probabilmente riuscirà ad accettare i segreti più intimi di ogni membro. 

Dramarama è una commedia capace di indagare in modo profondo il tema dell’identità e di farsi portatrice della speranza che un giorno una frase come «volevo dirvi che» possa finalmente non essere più necessaria.

Laura Anania

Share this!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.