“QUATTORDICI GIORNI” DI IVAN COTRONEO

Presentato fuori concorso al TFF39, Quattordici giorni è il quarto lungometraggio di Ivan Cotroneo, affermato autore televisivo e sceneggiatore italiano che firma l’adattamento di un suo omonimo romanzo del 2020, scritto a quattro mani con Monica Rametta, co-sceneggiatrice anche di questa trasposizione.

Marta e Lorenzo sono sposati da dodici anni e costretti a rispettare in casa una quarantena di quattordici giorni perché la prima è entrata in contatto con una persona positiva al coronavirus. Tutto tendenzialmente nella norma, se non che il marito ha rivelato alla moglie di avere una relazione extraconiugale e di voler andare via di casa il prima possibile.

Il plot è particolarmente originale nell’intercettare le incertezze della contemporaneità e usarle per raccontare, di contro, la storia di una crisi matrimoniale. La pandemia, l’ingombrante elefante nella stanza, non diventa mai protagonista e non sfugge mai al controllo dei due autori, rimanendo relegata al ruolo funzionale a lei destinato. Cotroneo guarda a un certo cinema “di coppia” tornato in auge a livello internazionale (pensiamo per esempio a Storia di un matrimonio e a Malcolm&Marie) trovando stilisticamente la propria strada. Il film è costruito intorno a stacchi veloci che imprimono un ritmo costante e frenetico alla vicenda, alternando controcampi serratissimi a campi lunghi che riescono ad abbracciare completamente gli interni della casa, microcosmo limitato ma al contempo ricco quanto basta per lasciare liberi i due protagonisti. Inoltre, il regista napoletano adotta una struttura episodica: ogni giorno è quasi a sé stante e sembra cancellare il precedente, ma solo perché l’occhio della cinepresa ci mostra soltanto l’apice di tensione di ogni giornata che i due coniugi sono costretti a passare insieme. Una “terapia di coppia” lunga un’ora e mezza.

Il film è apprezzabile anche per le buone prove di Carlotta Natoli e Thomas Trabacchi. I due attori costruiscono una dinamica di coppia credibile, reggendo da soli il peso del film e contribuendo con gesti, espressioni e parole a delineare la storia del personaggio “scomodo” di Alessia, l’amante, che in scena non vediamo mai ma che aleggia come uno spettro in ogni angolo della casa. I dialoghi taglienti e colmi di riferimenti – dalla pop culture alla videoteca cinefila, da Martin Luther King a Via col vento – non impediscono al film di inciampare in alcuni cliché di genere ed escamotage un po’ approssimativi. La sensazione è che Cotroneo guardi alla scuola anglosassone, riuscendo a rimediarne i difetti con una visione molto più dinamica e non forzatamente teatrale, perdendo però il filo del discorso nel momento in cui diventa necessario tirare le somme.

Marco Ghironi

Share this!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.