“RIEN À FOUTRE” DI JULIE LECOUSTRE ED EMMANUEL MARRE

Julie Lecoustre ed Emmanuel Marre presentano fuori concorso il loro primo lungometraggio, una storia che si muove lungo un doppio binario: la rappresentazione quasi documentaristica degli assistenti di volo di compagnie low-cost e l’analisi introspettiva della protagonista, che non riesce a elaborare un lutto.  

Cassandre (Adèle Exarchopoulos) è una giovane assistente di volo presso Wing (alias Ryanair), costantemente pronta ad affrontare efficientemente il suo lavoro nonostante la sveglia all’alba, i continui spostamenti in tutta Europa e la forte pressione per aumentare le vendite di profumi durante il volo. La frenesia tipica di questo mestiere, infatti, è la sua quotidiana evasione da se stessa e da un trauma non ancora risolto. Il titolo esprime efficacemente l’attitudine con cui Cassandre affronta la vita in volo e nel suo tempo libero: non ha legami forti con amici o colleghi, le sue frequentazioni durano quanto l’intervallo tra uno scalo e l’altro e non ha realmente messo radici in nessun luogo. 

Tuttavia, questo suo menefreghismo non si trasforma mai in cinismo o disinteresse, diventa anzi lo spirito guida per godere del presente senza troppe preoccupazioni. La sua noncuranza, in fondo, è una maschera necessaria a proteggersi da se stessa; eppure, basta una telefonata per aggiornare il piano tariffario del cellulare per scoperchiare una ferita ancora aperta, la morte della madre. 

Inizia così a emergere il lato nascosto della protagonista, quello più sensibile ed emotivo, e, parallelamente, i registi mettono in luce il dietro le quinte della compagnia aerea: esemplari sono gli addestramenti che prevedono massaggi cardiaci eseguiti in divise troppe strette, sorrisi imperturbabili che devono durare trenta secondi e contatti visivi che devono manifestare leadership. Non a caso, sarà proprio l’eccessiva sensibilità e disponibilità di Cassandre con una passeggera a determinare il suo licenziamento. 

La ragazza, quindi, torna improvvisamente a casa, dove si scopre a disagio in una realtà che non frequenta più da tempo. Lì, spiegando e difendendo la sua carriera e la sua personale visione della vita agli amici e alla famiglia, si concilia sempre di più con se stessa, espiando i sensi di colpa che la affliggono.   

Il duo di registi francesi mostra l’altra faccia di quel capitalismo che rende possibili servizi disponibili 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, a prezzi irrisori e allo stesso tempo, scava dentro l’oscurità della tragedia di Cassandre, che cercherà di far finalmente pace con se stessa.

Laura Anania

Share this!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.