“Diplomatie” (“Diplomacy – Una notte per salvare Parigi”) di Volker Schlöndorff

Dopo anni di assenza, Volker Schlöndorff, uno dei massimi esponenti del Nuovo Cinema tedesco, ritorna nelle sale italiane con Diplomacy – Una notte per salvare Parigi, adattamento di una pièce teatrale di Cyril Gely. Dopo La mer à l’aube, il regista tedesco porta sullo schermo un episodio realmente accaduto durante la Seconda guerra mondiale.

Voleker Schlondorff con Emanuela Martini
Voleker Schlondorff con Emanuela Martini

Tutta l’azione si svolge nella notte tra il 24 e il 25 Agosto del 1944. Gli alleati sono entrati a Parigi e la guerra è giunta al termine. Anche se i nazisti sono consci della disfatta, il führer non desiste e ordina al generale Dietrich von Choltitz (interpretato magistralmente da Niels Arestrup) di bruciare Parigi. Monumenti e ponti sono minati e pronti ad esplodere. L’ordine di Hitler non verrà mai eseguito. Nonostante il finale sia già noto, Schlöndorff riesce a creare un thriller coinvolgente e dal ritmo incalzante. Tutto ciò è possibile sia grazie all’ottima interpretazione di Niels Arestrup e André Dussollier nei panni del console svedese Raoul Nordling, sia alla maestria registica del regista.

L’Hôtel Maurice è il palcoscenico in cui viene rappresentato il duello tra due mattatori: da una parte c’è il Console Nordling, difensore dell’umanità e simbolo di una morale pacifista, dall’altra il comandante von Choltitz, fedele alla causa nazista e obbediente ad ogni comando impartitogli dai superiori.  La riproposizione di una realtà come quella della Seconda Guerra Mondiale, oramai scolpita nella memoria collettiva, è il pretesto che permette a Schlöndorff di indagare la natura dell’animo umano combattuta tra il dovere militare e il richiamo alla fratellanza.

La storia, portata già sul grande schermo nel 1966  da René Clément in Paris brûle-t-il?, è trattata in maniera innovativa dal regista tedesco che evita il didascalismo e lo stile illustrativo, legando abilmente suggestive immagini di repertorio con ricostruzioni in digitale del magico skyline parigino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *