” The Scope of Separataion,” di Yue Chen

Noia, alcool e sigarette riempiono le giornate di Liu Shidong, apatico protagonista di The Scope of Separataion, opera prima del giovane regista cinese Yue Chen. Liu – come ci racconta lui stesso in voice over – ha ereditato una cospicua somma dal padre scomparso: ciò gli permette di non lavorare e dedicarsi al suo (presunto) divertimento. La storia prosegue  a fatica con l’incontro con due ragazze, molto diverse tra loro che tentano di dedicasi agli affari: una trama insignificante, come la vita di Liu, che lascia spazio alla contemplazione e a lunghi e vacui dialoghi. Una sceneggiatura senz’altro ponderata, che mina però il coinvolgimento dello spettatore.La particolarità del film sta proprio nel trattare una condizione particolarmente negativa con estrema levità e poesia: così l’inettitudine e l’alienazione sono rappresentate all’interno di locali accoglienti sommersi in colori caldi e desaturati, una gabbia dorata in cui il giovane si rifugia per non affrontare se stesso e la vita, preferendo passare il tempo tra il mahjong e il biliardo, tra un bicchiere e una sigaretta. Si respira un’atmosfera rarefatta, quasi di sogno, sottolineata da una cullante colonna sonora che alterna musica classica e jazz.

La città che fa da sfondo, esplorata principalmente di notte, è un luogo silenzioso e sospeso, che perfettamente si sposa con il vuoto interiore del protagonista, anche attraverso la dominanza di colori freddi. Ma è anche una città romantica, malinconica, che non cede mai il passo al pessimismo e all’autocommiserazione.

Palese la riflessione, o piuttosto la critica, della nuova società cinese, scissa tra giovani nullafacenti e imprenditori senza scrupoli. Chen ci mostra uno stile di vita attraverso frammenti della quotidianità di giovani per i quali le scelte sembrano solo due: arrendersi al vuoto esistenziale e professionale o farsi ingurgitare dal mostro della cinica ambizione per ottenere successo e riconoscimento sociale. In parallelo si sviluppa un confronto implicito tra i valori della tradizione, ben rappresentata dal mahjong e dalla pipa, e  i disvalori della modernità, fatta di grattacieli e club esclusivi.

L’interpretazione di Liu Shidong non è brillante ma funzionale, in quanto ben descrive l’apatia e l’inettitudine del personaggio. Non a caso l’attore ha confessato in conferenza stampa di avere non pochi tratti in comune col suo alter ego, come il nome, il background familiare e il lungo periodo di smarrimento. Recitare nell’opera d’esordio di Yue Chen ha coinciso per Liu con un profondo viaggio di crescita e trasformazione, culminato col matrimonio. La realtà ha visto un cambiamento positivo, come quello che il film pare suggerire nel suo finale aperto dai tratti lirici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *