Archivi tag: in evidenza

Future Lovers – Concorso internazionale cortometraggi #3

L’appuntamento con l’ultima serie di cortometraggi del concorso Future Lovers del Lovers Film Festival 2018 si apre con due film italiani, alla presenza dei registi in sala. Il primo, fuori concorso, è Emerging Doubts (Dubbi che vengono) di Ilaria Galanti, che racconta il momento in cui Manuel si risveglia confuso nel suo letto, con uno sconosciuto che gli dorme accanto, completamente nudo.

Continua la lettura di Future Lovers – Concorso internazionale cortometraggi #3

EVENTO SPECIALE FRONTE DEL CORPO – “MCKELLEN: PLAYING THE PART”

Il Lovers Film Festival ha organizzato per martedì 24 aprile l’evento speciale Fronte del corpo. Un dialogo tra Concita De Gregorio, giurata del Concorso internazionale lungometraggi e Lucia Mascino, membro  della giuria del Concorso internazionale documentari, in compagnia di Irene Dionisio, direttrice del festival, impegnate in un dialogo aperto con il pubblico sui confini del corpo attoriale

Continua la lettura di EVENTO SPECIALE FRONTE DEL CORPO – “MCKELLEN: PLAYING THE PART”

OBSCURO BARROCO DI EVANGELIA KRANIOTI

Prima di essere corpo, la presenza è voce. Prima della carne, il verbo. Profonda ed oscura, fluttua acusmatica come una presenza ancestrale e primitiva; va creandosi, scoprendosi, in un processo naturale che comincia nelle profondità della terra, nel nucleo intimo e segreto, nell’umidità di una foresta amazzonica sotto la pioggia battente: “Io mi sto creando. E cammino nella completa oscurità alla ricerca del nostro sé. […] Nascita, morte, nascita. Come il respiro del mondo”.  Obscuro Barroco di Evangelia Kranioti comincia incantando  con una voce ammaliante, senza sesso, che trascina delicatamente  lo spettatore nella propria dimensione.

Continua la lettura di OBSCURO BARROCO DI EVANGELIA KRANIOTI

FUTURE LOVERS – CONCORSO INTERNAZIONALE CORTOMETRAGGI #2

Il Lovers Film Festival rinnova il concorso Future Lovers, dedicato ai cortometraggi, al quale possono partecipare film italiani e internazionali di qualunque genere e formato. Il vincitore riceverà il Premio Fotogrammi Sovversivi, assegnato dalla giuria composta da studenti DAMS dell’Università degli Studi di Torino, coordinati da Massimiliano Quirico.

Domenica 22 aprile la seconda serata, in cui abbiamo potuto fruire in sala di sei cortometraggi, accomunati da alcune tematiche, ma differenti nelle modalità di comunicazione con lo spettatore.

Ad aprire la serata Odio il rosa, film fuori concorso di Margherita Ferri, che affronta la tematica dell’ideologia gender con un approccio decisamente  inusuale. Il cortometraggio, infatti, concepito come un documentario, guarda da vicino la vita di una bambina di 9 anni dell’Emilia Romagna, Violante Di Nuzzo, che è già consapevole della sua identità di genere da quando aveva 4 anni ed è certa di voler essere un maschio. La macchina da presa osserva con grande delicatezza la tranquilla quotidianità di una bambina e della sua famiglia: assistiamo alle sue gare di break dance accompagnata dai genitori, agli allenamenti fisici nella sua stanza, ai balletti vestita da spiderman, Alle immagini di vita quotidiana si alternano i video di una Violante ancora più piccola, che già spigliata ed intelligente rifiuta le imposizioni di una società che classifica i generi e che le chiede di vestirsi e comportarsi in una certa maniera. Lo spettatore ha la possibilità di ascoltare il punto di vista della piccola protagonista e della sua famiglia. “Bisogna lasciare liberi i figli”, così la madre di Violante si rivolge al pubblico, un pubblico che ha bisogno di comprendere quanto siano importanti queste parole. In sala la regista ha spiegato che nei suoi incontri con Violante non si è mai fatta menzione di quello che lei sarà da grande, poiché lei e la sua famiglia stanno vivendo passo dopo passo la sua crescita, lasciandole la possibilità di scegliere. Un film con un punto di vista interessante e inedito, in cui la spontaneità dell’infanzia diventa parola, forte e rivoluzionaria.

Three Centimetres di Lara Zeidan è il secondo cortometraggio proiettato nella serata. Un movimento di macchina piuttosto deciso ci porta dal basso di un edificio, oltre il tetto di quest’ultimo, su, nel cielo di Beirut. La camera si muove nuovamente in discesa, dandoci modo di comprendere finalmente dove ci troviamo: siamo su di una giostra e quattro amiche come tante stanno per salire, mentre chiacchierano scherzosamente di tematiche sessuali legate ai loro fidanzati. Le giovani donne si accomodano felici sui sedili, ma una di loro, durante la salita, rivela di essere lesbica: la giostra si blocca a causa di un breve black out e per qualche minuto anche il tempo si sospende. “Non puoi essere gay, tuo padre è un deputato!”, così una delle amiche la apostrofa bruscamente. I primissimi piani di ciascuna ragazza restituiscono allo spettatore una condizione di costrizione, la stessa che sta vivendo la protagonista, bloccata in una panchina sospesa nel cielo con persone che non comprendono la sua sessualità. La regista ci dà modo di vivere una situazione di disagio e di ansia attraverso l’escamotage della giostra, che infatti una volta sbloccatasi e tornata in basso, dona al film la sua conclusione, come se si ci potesse esprimere solo in un mondo ideale e, non capiti, si tornasse poi con i piedi per terra.

Terzo cortometraggio, Green Tea di Chiara Rap, tratta la tematica della perdita dell’amore e della ricostruzione di una vita dopo di essa. Francesca si sveglia con accanto una ragazza con la quale ha trascorso la notte e si dirige in cucina per preparare la colazione; lì incontra Diana che le racconta della sua notte di passione, paragonandosi ripetutamente alla partner con la quale l’ha appena trascorsa; il discorso si snoda su più aspetti e si focalizza sui gusti dell’attuale ragazza di Francesca, che non gradisce il caffè e beve solo the verde. Al dialogo con Diana si sovrappongono le immagini di un ricordo lontano, una telefonata dolorosa ricevuta nel passato. Lo spettatore si muove lungo i corridoi della storia, fino a scoprire, sul fondo, che Diana è solo una sorta di fantasma, la ragazza con cui Francesca stava che, come ha anche confermato la regista presente in sala, le sta dando una sorta di lasciapassare per andare avanti, per vivere la sua nuova vita conservando il passato e costruendo un presente insieme alla donna del the.

Wren Boys di Harry Lighton è il quarto cortometraggio in programma. Le società in cui crescono, radicati e saldi,  alcuni credo religiosi, hanno un immaginario legato ai sacerdoti piuttosto definito e non accettano vedute differenti da parte di uomini che sono designati come portatori di parola. Padre Conor, il protagonista del film, accompagna suo nipote in carcere per permettergli di convolare a nozze con il suo fidanzato detenuto. La possibilità di scegliere e di rispettare le scelte e i sentimenti altrui supera il credo di Padre Conor, ma le sue azioni dettate dall’affetto lo condurranno ad una crudele fine per mano di chi non è pronto ad accettare. La fredda crudeltà del prossimo ci viene mostrata in modo diretto e brutale, il corpo del prete esanime è il corpo di chi ha superato le costrizioni del passato per onorare l’amore, un amore che la tradizione fa fatica a vedere.

La memoria è come una sorta di recipiente, dentro il quale si conservano ricordi, che emergono se richiamati da situazioni del presente. Marguerite di Marianne Farley è il quinto cortometraggio proiettato in sala e vede proprio il concetto di memoria al centro della sua storia. Marguerite è un’anziana donna molto malata, che riceve assistenza domestica da Rachel. Venuta a conoscenza del fatto che Rachel abbia una ragazza, la memoria di Marguerite prende il sopravvento e i ricordi di un passato contornato di rimpianti si fanno spazio nella sua vita solitaria. La tenerezza di una donna che è stata innamorata, ma non ha mai rivelato i suoi sentimenti per paura di destare scandalo, emerge in ogni singola scena del film. Rachel rappresenta per l’anziana donna la Cécile a cui non ha mai aperto il suo cuore e al contempo la freschezza del presente, da cui attingere informazioni su un amore che non ha mai potuto vivere. Un dolce ritratto di sentimenti nascosti da paure e insicurezze.

Nel 2015 Fernando Machado ha annunciato di essere incinto, insieme alla sua fidanzata trans Diane Rodriguez, suscitando la grande attenzione dei media di tutto il mondo. Sununù: The Revolution of Love di Olivia Crellin chiude la serata raccontandoci questa storia vera di amore e rivoluzione. La coppia trans ha deciso di avere un bambino lanciando al mondo semplicemente un messaggio d’amore. Lo sguardo della regista si posa sulla vita della coppia e sulla loro attività di divulgazione nelle scuole e nei luoghi preposti alla politica. Il nome del nascituro è appunto Sununù, termine indigeno senza genere e che ha il significato di  rivoluzione, una rivoluzione che permetterà ai sentimenti di muoversi liberi tra le persone.

Rivoluzione, rivelazione, memoria, scelta, superamento: queste le parole chiave di una serata di cortometraggi in cui sicuramente l’amore è il punto di contatto, il nodo tra le corde e la verità più sincera.

LOVERS WORDS SESSION

L’evento speciale Lovers Words Session a cura di Salone del Libro, Torino Jazz Festival e Lovers Film Festival ha dato luogo a un’intensa serata letteraria in cui sono stati presentati tre libri a tematica LGBTQI.

Continua la lettura di LOVERS WORDS SESSION

“MA VIE AVEC JAMES DEAN” di Dominique Choisy

Ma vie avec James Dean è uno dei Cinque pezzi facili scelti da Giovanni Minerba per l’omonima sezione del Lovers Film Festival. «Ho avuto il piacere e la voglia di vedere quasi tutte le pellicole arrivate e, a un certo punto, è successa una cosa bella: ho trovato in selezione un film dal titolo Ma vie avec James Dean; ovviamente mi sono subito incuriosito e l’ho guardato, mi è piaciuto e ho chiesto di averlo nella mia Cart Blanche. Spiegare perché però non è così semplice, […] la mia curiosità nasceva dal fatto che, ben ventisei anni fa, con Ottavio Mai avevamo scritto un film, che stavamo per realizzare, dal titolo Somigliava a James Dean; la storia era ovviamente diversa da quello che ci racconta in questo film Dominique Choisy, che è quasi un dramma alla Jean Genet; entrambe le storie però sono bizzarre e ironiche e servono per raccontare la bellezza, l’amore e un’icona del grande cinema».

Ed è proprio di questo che tratta il film: la bellezza e la semplicità dei sentimenti, l’amore visto nella sua irrazionalità e imprevedibilità, la vita che scorre impacciata attraverso una serie di sfortunati eventi. Continua la lettura di “MA VIE AVEC JAMES DEAN” di Dominique Choisy

Future lovers – concorso internazionale cortometraggi #1

Il concorso internazionale cortometraggi Future Lovers del 33° Lovers Film Festival si è aperto presentando una prima sessione di 7 short film capaci di fornire un panorama diversificato e complesso del fil rouge su cui ruota l’intero festival: la tematica LGBTQI.

Continua la lettura di Future lovers – concorso internazionale cortometraggi #1

“120 battiti al minuto” di Robin Campillo

120 battiti al minuto è un film politico, schietto, fatto di collera e di sangue, di amore e sofferenza, di paura.

Narra la storia di una guerra contro l’AIDS portata avanti senza l’appoggio delle istituzioni, di una lotta contro il tempo e in opposizione al silenzio di chi potrebbe agire ma non lo fa.

Continua la lettura di “120 battiti al minuto” di Robin Campillo

I tre film di apertura dei “SoundFrames Days” esplorano il rapporto fra cinema e musica

Da aprile 2018 è nata una nuova collaborazione tra il Museo Nazionale del Cinema e il Seeyousound International Music Film Festival, nell’ambito della mostra SoundFrames ospitata all’interno della Mole Antonelliana (fino al 7 gennaio 2019). Si tratta dei SoundFrames Days, ovvero giornate di approfondimento  e proiezioni di film dedicati al rapporto tra cinema e musica. Il primo appuntamento ha avuto come protagonisti tre docu-film.

Continua la lettura di I tre film di apertura dei “SoundFrames Days” esplorano il rapporto fra cinema e musica

Soundframes alla Mole Antonelliana: cinema e musica in mostra

Dal 26 gennaio 2018 al 7 gennaio 2019 l’Aula del Tempio del Museo Nazionale del Cinema ospita una mostra dal titolo evocativo: Soundframes, ovvero quando la musica entra nel cinema, in onore del centenario della nascita del celebre compositore Leonard Bernstein.
Ventiquattro schermi si susseguono lungo la rampa elicoidale che traccia il perimetro della Mole Antonelliana e portano il visitatore in un viaggio multimediale grazie alle cuffie wireless fornite all’inizio del percorso che permettono di immergersi completamente in una vera e propria  visita esperienziale, solitaria e immersiva.

Otto sono le aree tematiche, costituite da montaggi di centinaia di spezzoni di film ai quali è associata la colonna sonora originale o nuove proposte di sonorizzazione che trasformano ciò che già si conosceva in qualcosa di completamente nuovo (ad esempio, quali sensazioni suscita sentire le note di Purple Rain mentre scorrono sullo schermo le immagini de Il Fuoco di Pastrone?).
All’ultimo piano di questo percorso si incontrano le sei stanze interattive, dove, oltre a vedere ciò che scorre sugli schermi e sentire le musiche correlate, si può anche sperimentare direttamente, giocare con le associazioni suono-immagine, per comprendere quanto una certa colonna sonora sia rilevante per la resa finale dell’intero prodotto filmico.
Nell’arco dell’anno, alla mostra Soundframes si associa la programmazione di svariati eventi che si terranno  all’interno dell’Aula del Tempio stessa e presso il Cinema Massimo (il programma è consultabile mensilmente  online sulla pagina del sito del Museo del Cinema dedicata alla mostra, sia sul programma in distribuzione presso il cinema Massimo).
La mostra, nata da un concept di Donata Pesenti Campagnoni, è a cura di Grazia Paganelli e Stefano Boni, con la collaborazione di Maurizio Pisani, ed è dedicata a Gianni Rondolino.
Nei prossimi mesi Cinedams si occuperà da vicino degli eventi in programma e dedicherà diversi approfondimenti alle aree tematiche, ai film e ai generi cinematografici presenti in mostra.

“The Opening of Misty Beethoven” – “A Bocca Piena” di Radley Metzger

Andare al cinema per vedere un vero e proprio film pornografico è un’esperienza lontanissima dall’odierna fruizione del porno. Oggi, la visione si limita a un video di una manciata di minuti, fruito in solitudine. Immagini di sesso amatoriale o fin troppo finto, come sono finti gli orgasmi, finte le prestazioni. Sesso come un fast food, funzionale alla gratificazione immediata. Rituale certamente molto diffuso, ma circondato dallo stesso tabù di un tempo. Così, quando arriva il momento di sedersi al proprio posto nel buio della sala cinematografica, sembra quasi surreale che il pubblico sia composto da uomini e donne di ogni età, gomito a gomito. La sensazione è quella di star prendendo parte ad un rituale vecchio di quarant’anni,  che appartiene a un momento storico di rivoluzione sessuale, in cui il film pornografico era un prodotto concepito con potenzialità proprie, destinato a specifici luoghi e pubblici.

Continua la lettura di “The Opening of Misty Beethoven” – “A Bocca Piena” di Radley Metzger

“Intersectional Views”

“Non mi è mai stato detto di essere attraente nonostante il colore della mia pelle”.
“Non ho mai ricevuto insulti o violenze per il mio orientamento sessuale”.
“Non mi è mai stata negata un’opportunità lavorativa a causa del mio genere”.
In una società sistematicamente ingiusta, poter fare questo tipo di affermazioni equivale a un privilegio. Cos’è quindi l’intersezionalità e perché è così importante parlarne?

Continua la lettura di “Intersectional Views”

“Strawberry bubblegum” di Benjamin Teske

Lucy ha 17 anni e sta attraversando quel momento della vita tipico di ogni adolescente in cui le imposizioni genitoriali iniziano a stare strette e si avverte la necessità di rompere con il passato e crearsi una propria identità. La scintilla che accenderà in lei il fuoco del cambiamento è la scoperta che la severa e rigida madre ha recitato in svariati film porno tedeschi a cavallo tra gli anni ’80 e ‘90. Continua la lettura di “Strawberry bubblegum” di Benjamin Teske

“My fucking problem” di Anne Van Campenhout

Nonostante la grande diffusione del vaginismo nel mondo femminile, si tratta di una patologia che resta ancora nell’ombra, di cui le donne parlano con estrema difficoltà e di cui molti non conoscono affatto l’esistenza. Perché chi soffre di vaginismo non è colpito da un’ossessione incontrollabile per l’organo femminile, tutt’altro. Il vaginismo è un processo psicofisiologico complesso che impedisce qualsiasi penetrazione vaginale. L’atto sessuale è dunque impossibile, il pene non riesce ad entrare senza provocare dolore; gli organi genitali sono normali ma, a qualsiasi tentativo di penetrazione (persino gli esami vaginali devono essere effettuati, talvolta, sotto anestesia) l’apertura vaginale si serra con una contrazione involontaria dei muscoli.

Continua la lettura di “My fucking problem” di Anne Van Campenhout

“Vem ska knulla pappa?” di Lasse Långström

Vem ska knulla pappa? (Who will fuck daddy?) è un titolo che rimarrà impresso per un po’ di tempo nella mente di coloro che hanno avuto la (s)fortuna di imbattersi in questo film. Antiffa Vänsterfitta e Lasse Långström sembrano non voler porre freno alle loro fantasie e depravazioni, conducendoci in un viaggio altrimenti difficile da immaginare. Una sorta di favola queer con la Q maiuscola, da inserire nel panorama undeground LGBT svedese, ambientata in una foresta misteriosa e fatata, in cui dominano le tinte del rosa, del viola, tra una popolazione totalmente al femminile. Continua la lettura di “Vem ska knulla pappa?” di Lasse Långström

“SALON KITTY” DI TINTO BRASS

Il maestro del cinema erotico Tinto Brass, memore de Il portiere di notte di Liliana Cavani e del viscontiano La caduta degli dei, di cui, tra l’altro, condivide anche due attori quali Helmut Berger e Ingrid Thulin, affiancati dalla bella e affascinante Teresa Ann Savoy, dirige nel 1976 un nazisploitation provocatorio, nel quale sesso e potere si fondono e si confondono. Salon Kitty segna anche una svolta nella filmografia del regista: se prima le sue pellicole erano più impegnate e politiche, a partire da questo lungometraggio il regista prende la strada dell’erotico. Continua la lettura di “SALON KITTY” DI TINTO BRASS

“Pornocratie. Les nouvelles multinationales du sexe” di Ovidie

Le premesse di Pornocratie. Les nouvelles multinationales du sexe sono molto interessanti: mai come oggi si è consumata così tanta pornografia, eppure l’industria pornografica sta affrontando la crisi più nera dal momento della sua nascita, e a farne le spese sono spesso gli interpreti.

Continua la lettura di “Pornocratie. Les nouvelles multinationales du sexe” di Ovidie

Corpi politici e politica dei corpi tra cinema e media in Italia. Intorno e oltre il ’68.

Articolo di Elio Sacchi e Tana Gianluca

Charlotte Rampling con le bretelle e il cappello di un ufficiale nazista nel film di Liliana Cavani Il portiere di notte è ormai entrata nell’immaginario collettivo, diventando un’immagine cult: con questa figura si è voluto emblematicamente presentare il convegno Corpi politici e politica dei corpi, che vuole ragionare sulle personalità attoriali, registiche e non solo, che più hanno segnato la scena cinematografica, televisiva e mediatica “intorno e oltre il ’68”.

L’ampliamento dei confini del visibile, in seguito alle numerose lotte e conquiste sessantottine, ha portato alla ribalta numerose tematiche narrate ed esplorate tanto dal cinema d’autore quanto da quello di genere, da personalità autoriali e attoriali già affermate come Luchino Visconti, Pier Paolo Pasolini, come Monica Vitti e Laura Betti, da personaggi della cultura pop come Twiggy, Gianni Morandi o Rita Pavone, che diventeranno emblema e diretta espressione del periodo. Sicuramente, in questi anni, uno degli aspetti che più hanno segnato l’universo mediatico italiano è la visione del corpo, sia maschile sia femminile, in relazione alla sfera sessuale: si impongono così personaggi diversi, in profonda dialettica con le figure del cinema precedente ed emergono nuove figure divistiche, figlie di una nuova idea di sensualità e di un cambiamento dei costumi e del gusto di una generazione che non si rispecchia più nei modelli precedenti, ed è alla ricerca di una propria identità. Volendo trovare un motivo e tema conduttore, un filo rosso che lega le diverse relazioni presentate durante questo convegno, questo può essere individuato nell’idea che i corpi, e il sesso, diventano politici per se stessi, diventando linguaggio, segno e veicolo di nuovi valori.

“Blue Kids” di Andrea Tagliaferri

Sono due fratelli diabolici i Blue Kids messi in scena dall’esordiente Andrea Tagliaferri, uno dei due italiani – insieme a Jacopo Quadri coi suoi Lorello e Brunello – in concorso al TFF. Non una gavetta comune quella di Andrea, che ha iniziato il suo viaggio nel panorama cinematografico come stagista al montaggio per Gomorra e ha proseguito la formazione con Matteo Garrone facendo da aiuto alla regia per Reality, Il racconto dei racconti e Dogman, ancora in fase di realizzazione. Continua la lettura di “Blue Kids” di Andrea Tagliaferri