Archivi categoria: Report

Report

PREMIO MARIA ADRIANA PROLO A LORENZO VENTAVOLI

Quando si parla di cinema a Torino c’è un nome che ritorna spesso: Lorenzo Ventavoli. Siamo abituati a parlare di registi, di attori, di produttori, mentre si parla molto meno di esercenti e pionieri nella divulgazione delle opere cinematografiche. Lorenzo Ventavoli è uno di questi, una figura poliedrica fondamentale per il cinema a Torino e in Italia, e che per questo è stato premiato il 23 novembre dall’Associazione Museo del Cinema con un premio alla carriera Maria Adriana Prolo. 

Continua la lettura di PREMIO MARIA ADRIANA PROLO A LORENZO VENTAVOLI

PREMIO DAMS A VLADIMIR GOLOV (“DYLDA”)

Per la prima volta nella storia del Torino Film Festival, il DAMS viene chiamato a partecipare attivamente alla composizione del palmarès della trentasettesima edizione. Il premio è dedicato alla figura, spesso sottovalutata, del casting director, colui che, in base alle specifiche necessità del copione, è chiamato a selezionare gli attori che parteciperanno alla produzione di un film.

Cinque studenti del Corso di studi – Niccolò Buttigliero, Dario Cerbone, Camilla Fusato, Stefano Tropiano e Chiara Varese – coordinati dalla professoressa Maria Paola Pierini, docente di Tecniche dell’attore, hanno visionato tutti i film in concorso per decidere quale tra essi disponesse della maggiore coerenza tra attori e copione. La giuria ha assegnato il premio a Vladimir Golov, casting director di Dylda di Kantemir Balagov.

Continua la lettura di PREMIO DAMS A VLADIMIR GOLOV (“DYLDA”)

“SI PUÒ FARE!”: RETROSPETTIVA SUL CINEMA HORROR CLASSICO

La celebre battuta pronunciata da Gene Wilder in Frankenstein Junior (1974) di Mel Brooks è stata scelta come titolo per la retrospettiva che il Torino Film Festival 37 ha dedicato al cinema horror classico. Trentasei film che attraversano un periodo di cinquant’anni, dal 1920 al 1971.

Continua la lettura di “SI PUÒ FARE!”: RETROSPETTIVA SUL CINEMA HORROR CLASSICO

“PADRONE DOVE SEI”, “MEGREZ”, “LA NOTTE SALVA”, “LA PELLE DEL TEMPO”

Nel pomeriggio di giovedì 28 novembre il Torino Film Festival ha presentato, nella sua sezione più sperimentale e ardita,  un blocco di quattro film di autori italiani, rispettivamente Carlo Michele Schirinzi, Mauro Santini, Giuseppe Boccassini e Salvo Cuccia. Sperimentazione è proprio la parola d’ordine necessaria per capire le scelte che hanno portato i selezionatori ad inserire queste opere nel festival, opere difficili e metaforiche che provocano apertamente l’osservatore con l’obbiettivo di ottenere una reazione, sia essa un’attivazione del pensiero critico o una fuga dalla sala.

Continua la lettura di “PADRONE DOVE SEI”, “MEGREZ”, “LA NOTTE SALVA”, “LA PELLE DEL TEMPO”

“RESURREZIONE” DI TONINO DE BERNARDI

Il consueto appuntamento con il cinema del regista Tonino De Bernardi nella sezione Onde rappresenta sempre un momento di riflessione sulla natura stessa dell’arte e sul più profondo scopo di quest’ultima. La carriera di De Bernardi è emblematica del cinema underground italiano, una realtà spesso non troppo valorizzata nel nostro Paese. “Il mio è un cinema nel tempo”, ha detto De Bernardi durante il Q&A al Reposi: un film realizzato con materiale girato dal 2009 al 2019 è al di fuori delle logiche produttive dell’industria cinematografica cosiddetta mainstream, ma anche di quella indipendente nel senso tradizionale. 

Continua la lettura di “RESURREZIONE” DI TONINO DE BERNARDI

“TITO” DI GRACE GLOWICKI

Già protagonista del film in concorso Raf (Harry Cepka), Grace Glowicki partecipa al Torino Film Festival anche in veste di regista con il suo primo lungometraggio, Tito.

Tito (interpretato dalla stessa Grace Glowicki) è un disadattato, un emarginato che, dopo aver subito una violenza, vive isolato nella sua casa arredata con un mobilio essenziale, perseguitato da suoni terrificanti e immaginari mostri che sembrano essere in agguato ovunque lui si trovi, tormentato da un malessere fisico che gli impedisce anche di mangiare. All’improvviso appare nella sua casa un “friendly neighbour” (Ben Petrie) – come viene presentato nei titoli di testa – che parla senza sosta, lo nutre, gli fa assumere sostanze stupefacenti e sembra, per un istante, sottrarlo alla sua solitudine e paura, prima di rivelarsi come un altro dei suoi carnefici.

Continua la lettura di “TITO” DI GRACE GLOWICKI

“TITO” BY GRACE GLOWICKI

Article by: Silvia Gentile
Translated by: Chiara Franceskin

Not only as the protagonist in the film Raf (Harry Cepka), Grace Glowicki also participates in Torino Film Festival as a director with her first feature film, Tito.

Tito (interpreted by Grace Glowicki herself) is a misfit, an outcast who, after having suffered violence, lives isolated in his house with sparing furniture. He is haunted by scary sounds and imaginary monsters that seem to be in ambush wherever he is. Tito is also tormented by a physical illness that prevents him even from eating. Suddenly a “friendly neighbour” (Ben Petrie) – as he is presented in the opening credits – appears in his house. He talks incessantly, and Tito feeds him, makes him take drugs, and, for a while, he seems to get him out of his solitude and fear, but actually he will reveal himself as another of his executioners.

Continua la lettura di “TITO” BY GRACE GLOWICKI

DAVID BORDWELL AND KRISTIN THOMPSON: TWO LECTURES ON CINEMA

Article by: Alessandro Pomati
Translated by: Giorgia Bellini

“For further information, see D. Bordwell and K. Thompson”, “see D. Bordwell, K. Thompson”: every film student has found these specific footnotes – or they have heard those two names, or maybe they have studied from their books at least once in their lives. Nevertheless, those distinguished names could still be perceived as far away from reality, they could be considered just as simple names, labels, quotes. That happens to Bazin, Kracauer, Morin, Zavattini, etc. But, on Tuesday, November 26th, David Bordwell and Kristin Thompson gave two lectures to a large group of students at the auditorium “Guido Quazza” of Palazzo Nuovo. Finally, bodies have been associated to their names, the content of a textbook became matter of a dialogue.

Continua la lettura di DAVID BORDWELL AND KRISTIN THOMPSON: TWO LECTURES ON CINEMA

DAVID BORDWELL E KRISTIN THOMPSON: TWO LECTURES ON CINEMA

“Si veda, a questo proposito, D. Bordwell e K. Thompson”; “cfr. D. Bordwell, K. Thompson”: ogni studente di un corso di Storia del Cinema ha trovato almeno una volta note a pié di pagina recanti questi due nomi, o li ha sentiti nominare da un professore o si è ritrovato a studiare direttamente i loro testi. Tuttavia ai suoi occhi questi nomi, tanto illustri e sempre citati, possono apparire lontani e restare per sempre solo questo: nomi, etichette, citazioni. Così accade ai vari Bazin, Kracauer, Morin, Zavattini ecc. Ma non è accaduto appunto a David Bordwell e Kristin Thompson che martedì 26 novembre, presso l’auditorium “Guido Quazza” di Palazzo Nuovo, hanno tenuto due interventi di fronte a un nutrito gruppo di studenti. E così i nomi si sono finalmente fatti corpo, il contenuto di un testo da imparare si è fatto confronto.

Continua la lettura di DAVID BORDWELL E KRISTIN THOMPSON: TWO LECTURES ON CINEMA

“HRA” DI ALEJANDRO FERNÁNDEZ ALMENDRAS

«Da a qualche tempo vivo in Repubblica Ceca e poco per volta ho scoperto la sua cultura e, soprattutto, la sua grande storia cinematografica; per questo ho voluto fare un film che fosse un omaggio al cinema ceco degli anni Sessanta»: il regista cileno introduce così la prima proiezione del suo Hra al Torino Film Festival.

Continua la lettura di “HRA” DI ALEJANDRO FERNÁNDEZ ALMENDRAS

“HRA” BY ALEJANDRO FERNÁNDEZ ALMENDRAS

Article by: Valentina Velardi
Translated by: Chiara Franceskin

«I have been living in Czech Republic for some time. I have been discovering its culture little by little and, above all, its great cinematographic history. For this reason, I decided to make a movie which was a tribute to the sixties Czech cinema.» that is how the Chilean director introduced the first screening of his film at Torino Film Festival.

Continua la lettura di “HRA” BY ALEJANDRO FERNÁNDEZ ALMENDRAS

“LA GOMERA” DI CORNELIU PORUMBOIU

I fini intenditori a Cannes l’hanno bollato come giochino fine a se stesso, come pasticciaccio brutto o esperimento formale non all’altezza delle sue ambizioni. Meno sonora, più pacata, la schiera degli entusiasti, che alla kermesse francese pure erano presenti e l’hanno applaudito tanto quanto i detrattori lo hanno fischiato. Il nuovo film del regista rumeno un pasticcio, diciamolo subito, lo è per davvero: postmoderno, però, e non ruffiano.

Continua la lettura di “LA GOMERA” DI CORNELIU PORUMBOIU

“LA GOMERA” BY CORNELIU PORUMBOIU

Article by: Fabrizio Spagna
Translated by: Gabriele Cepollina

Film critics in Cannes have branded it as a childish play, a bundle of tangles or a formal experiment which has failed the expectations. On the other hand, the crowd of the enthusiasts present at the display is quiet and has praised it as much as its detractors have booed it. The new movie made by the Romanian director is actually a bundle of tangles: a postmodern but not a pimped one.

Continua la lettura di “LA GOMERA” BY CORNELIU PORUMBOIU

“MS. WHITE LIGHT” BY PAUL SHOULBERG

Article by: Beatrice Ceravolo
Translated by: Giorgia Bellini

“Death is thriving”, or “the death’s business is going really well”: these are the cynical but trustworthy words said by Spencer, a psychic played by Zachary Spicer, who also produced the film. That definition describes also the films revolving around this theme: it is quite rare to find a new approach to the everlasting issue of the end of life, but the second film by director Paul Shoulberg gives us a new surprising perspective.

Continua la lettura di “MS. WHITE LIGHT” BY PAUL SHOULBERG

“MS. WHITE LIGHT” DI PAUL SHOULBERG

«Death is thriving», ossia «Il business della morte va alla grande», afferma cinicamente – ma a ragion veduta – Spencer, un medium interpretato da Zachary Spicer, che ha anche prodotto il film. Lo stesso potrebbe dirsi dei film che trattano questa tematica: è raro trovarvi un approccio originale per quanto concerne la sempreverde questione della fine della vita, ma la seconda esperienza da regista di Paul Shoulberg riesce a distinguersi in positivo.

Continua la lettura di “MS. WHITE LIGHT” DI PAUL SHOULBERG

“LE RÊVE DE NOURA” BY HINDE BOUJEMAA

Article by: Valentina Velardi
Translated by: Lucrezia Villa

Noura (Hend Sabri) dreams of finalizing the divorce proceedings as soon as possible to be able to live with her lover Lassaad (Hakim Boumsaoudi) at last. Her life has not been easy so far; her husband is in jail and she has had to raise her three kids alone while trying to keep a roof over their heads by working in a hospital’s laundry room. Nevertheless, she is happy, she has managed to emancipate and find her own balance. However, when Jemal (Lotfi Abdelli) is unexpectedly released from jail, he comes back abruptly in her life, upsetting her balance. 

Leggi tutto

“LE RÊVE DE NOURA” DI HINDE BOUJEMAA

Il sogno di Noura (Hend Sabri) è quello di chiudere il prima possibile le pratiche del divorzio per poter finalmente vivere con il suo amante, Lassaad (Hakim Boumsaoudi). La sua vita finora non è stata facile: suo marito è in carcere e ha dovuto crescere i suoi tre figli da sola e al contempo mantenerli lavorando come lavandaia in un ospedale. Nonostante tutto però è felice, è riuscita a emanciparsi, a trovare un suo equilibrio. A romperlo è l’improvvisa scarcerazione di Jemal (Lotfi Abdelli), che rientra prepotentemente nella sua esistenza, sconvolgendola.

Leggi tutto

“JOJO RABBIT” di TAIKA WAITITI

Un doppio legame unisce Taika Waititi a Torino. Dopo What We Do in the Shadows, mockumentary in cui il regista si è divertito a esplorare la quotidianità di un gruppo di vampiri, Waititi torna a Torino per aprire la 37° edizione del Torino Film Festival con Jojo Rabbit, in cui si cimenta con una delle pagine più drammatiche della Storia – la caduta del Terzo Reich –, senza tuttavia rinunciare a un tono ironico e scanzonato. Il film, nato durante la fase di postproduzione di What We Do in the Shadows, ha avuto una lunga gestazione ma non poteva essere realizzato in un momento più adatto.

Continua la lettura di “JOJO RABBIT” di TAIKA WAITITI

“JOJO RABBIT” BY TAIKA WAITITI

Article by: Elio Sacchi
Translated by: Ilaria Roma

There is a double bond between Taika Waititi and the city of Turin. After the mockumentary What We Do In The Shadows, where the director explored the daily life of a group of vampires, Waititi comes back in town to open the 37thedition of the “Torino Film Festival” with Jojo Rabbit. The movie, focused on one of the most tragic episodes in the history of mankind – the fall of the Third Reich – , is characterized by irony and lighthearted tones. The filmmaker started working on this movie during the post-production of What We Do In The Shadows, but he had to wait for the right time to release it.

Continua la lettura di “JOJO RABBIT” BY TAIKA WAITITI

CONFERENZA STAMPA DI APERTURA – 37° TORINO FILM FESTIVAL

Inquieto, medianico, premonitore. È il volto corvino di Barbara Steele – regina dell’horror italiano ed internazionale – a inaugurare la conferenza stampa del Torino Film Festival. Giunta alla sua 37°esima edizione, la kermesse cinematografica curata da Emanuela Martini si svela al pubblico, riconfermandosi evento di punta del panorama artistico torinese.

Continua la lettura di CONFERENZA STAMPA DI APERTURA – 37° TORINO FILM FESTIVAL