“RESURREZIONE” DI TONINO DE BERNARDI

Il consueto appuntamento con il cinema del regista Tonino De Bernardi nella sezione Onde rappresenta sempre un momento di riflessione sulla natura stessa dell’arte e sul più profondo scopo di quest’ultima. La carriera di De Bernardi è emblematica del cinema underground italiano, una realtà spesso non troppo valorizzata nel nostro Paese. “Il mio è un cinema nel tempo”, ha detto De Bernardi durante il Q&A al Reposi: un film realizzato con materiale girato dal 2009 al 2019 è al di fuori delle logiche produttive dell’industria cinematografica cosiddetta mainstream, ma anche di quella indipendente nel senso tradizionale. 

Continua la lettura di “RESURREZIONE” DI TONINO DE BERNARDI

“QUEEN & SLIM” DI MELINA MATSOUKAS

Queen & Slim è la storia di come un controllo di routine da parte della polizia possa trasformarsi in un’esperienza molto diversa per due afroamericani nell’America contemporanea. Rifacendosi alle sempre più numerose storie di violenza da parte di poliziotti bianchi su membri della comunità nera il film parte da una provocazione: cosa succederebbe se la vittima reagisse? Ernest “Slim” Hines (Daniel Kaluuya) e Angela “Queen” Johnson (Jodie Turner-Smith) stanno tornando da un deludente primo appuntamento quando vengono fermati da un poliziotto e, per legittima difesa, lo uccidono; la pellicola li segue nella loro breve ma intensa fuga attraverso gli Stati Uniti, nel tentativo di arrivare a Cuba.

Continua la lettura di “QUEEN & SLIM” DI MELINA MATSOUKAS

“OHONG VILLAGE” DI LUKE LUNGYIN LIM

Opera prima in concorso al TFF37, Ohong Village è il racconto minuto di un nucleo famigliare taiwanese. Minuto nello svolgimento, composto nella tecnica, frettoloso nell’assemblaggio di storia e immagini, Ohong Village fa più bella figura come documentario che come film a soggetto. Storia di un ritorno a casa di un giovane taiwanese, cervello in fuga, accolto nella sua immobile Taiwan dalla famiglia e dall’amico di sempre. Storia di menzogne, di simboli (fiacchi), e di suoni di incredibile potenza espressiva.

Continua la lettura di “OHONG VILLAGE” DI LUKE LUNGYIN LIM

“OHONG VILLAGE” BY LUKE LUNGYIN LIM

Article by: Fabrizio Spagna
Translated by: Cecilia Malanima

Ohong Village, director’s debut film, is the intimate portrayal of the everyday life of a Taiwanese family. Due to its detailed development, understated technique, hasty images and story editing, it seems to be more of a documentary than a feature movie.

It talks about a highly skilled and extremely clever boy who has just got back home to Taiwan, to his family and his longlife friend. It talks about lies, about (weak) symbols, and about incredibly powerful and emotional sounds.

Continua la lettura di “OHONG VILLAGE” BY LUKE LUNGYIN LIM

“TITO” DI GRACE GLOWICKI

Già protagonista del film in concorso Raf (Harry Cepka), Grace Glowicki partecipa al Torino Film Festival anche in veste di regista con il suo primo lungometraggio, Tito.

Tito (interpretato dalla stessa Grace Glowicki) è un disadattato, un emarginato che, dopo aver subito una violenza, vive isolato nella sua casa arredata con un mobilio essenziale, perseguitato da suoni terrificanti e immaginari mostri che sembrano essere in agguato ovunque lui si trovi, tormentato da un malessere fisico che gli impedisce anche di mangiare. All’improvviso appare nella sua casa un “friendly neighbour” (Ben Petrie) – come viene presentato nei titoli di testa – che parla senza sosta, lo nutre, gli fa assumere sostanze stupefacenti e sembra, per un istante, sottrarlo alla sua solitudine e paura, prima di rivelarsi come un altro dei suoi carnefici.

Continua la lettura di “TITO” DI GRACE GLOWICKI

“TITO” BY GRACE GLOWICKI

Article by: Silvia Gentile
Translated by: Chiara Franceskin

Not only as the protagonist in the film Raf (Harry Cepka), Grace Glowicki also participates in Torino Film Festival as a director with her first feature film, Tito.

Tito (interpreted by Grace Glowicki herself) is a misfit, an outcast who, after having suffered violence, lives isolated in his house with sparing furniture. He is haunted by scary sounds and imaginary monsters that seem to be in ambush wherever he is. Tito is also tormented by a physical illness that prevents him even from eating. Suddenly a “friendly neighbour” (Ben Petrie) – as he is presented in the opening credits – appears in his house. He talks incessantly, and Tito feeds him, makes him take drugs, and, for a while, he seems to get him out of his solitude and fear, but actually he will reveal himself as another of his executioners.

Continua la lettura di “TITO” BY GRACE GLOWICKI

“LONTANO LONTANO” DI GIANNI DI GREGORIO

Un viaggio spesso è qualcosa che spaventa perché presuppone un cambiamento: il lasciarsi alle spalle un luogo per raggiungerne un altro. Tuttavia esso può essere anche più astratto, ovvero una situazione interiore che un individuo si appresta a vivere, una sorta di viaggio per scoprire se stessi.

Continua la lettura di “LONTANO LONTANO” DI GIANNI DI GREGORIO

“SPACE DOGS” DI ELSA KREMSER E LEVIN PETER

È tanto innata quanto audace la spinta dell’uomo verso mondi nuovi. È il vettore che caratterizza l’evoluzione e che dipende dalla giusta combinazione di curiosità, necessità e impudenza: dalla prima scimmia che scese dall’albero al primo uomo che poggiò piede sulla luna. Eppure non serve nessuna speciale propulsione per ritrovarsi a esplorare l’inesplorato, è necessario solo cambiare punto di vista.

Continua la lettura di “SPACE DOGS” DI ELSA KREMSER E LEVIN PETER

“SPACE DOGS” BY ELSA KREMSER AND LEVIN PETER

Article by: Laura k. Barbella
Translated by: Gabriele Cepollina

So bold and natural is the mankind’s urge to explore new worlds. It is what features the process of evolution, that depends on the right combination of curiosity, need and audacity: from the first monkey that descended of its tree, up to the first man who walked on the surface of the moon. Nonetheless, if you really want to adventure the unexplored, it is not necessary to be pushed, changing your own point of view is just enough.

Continua la lettura di “SPACE DOGS” BY ELSA KREMSER AND LEVIN PETER

“NOW IS EVERYTHING” DI RICCARDO SPINOTTI E VALENTINA DE AMICIS

Opera prima dei due registi italiani realizzata grazie ad una produzione indipendente italo-americana. Nel cast spiccano, su tutti, Anthony Hopkins, Madeline Brewer e Camille Rowe. Si tratta di un film complesso, dal carattere fortemente sperimentale, che si articola su due principali livelli di lettura.

Continua la lettura di “NOW IS EVERYTHING” DI RICCARDO SPINOTTI E VALENTINA DE AMICIS

“NOW IS EVERYTHING” BY RICCARDO SPINOTTI AND VALENTINA DE AMICIS

Article by: Sirio Alessio Giuliani
Translated by: Anna Benedetto

Debut film of two Italian directors, Spinotti and De Amicis, Now is Everything was made thanks to an Italian-American indie production, starring the talented Anthony Hopkins, Madeline Brewer and Camille Rowe. It is a rather complex film with various experimental elements in it, paving the way for two possible interpretations. 

Continua la lettura di “NOW IS EVERYTHING” BY RICCARDO SPINOTTI AND VALENTINA DE AMICIS

“RAF” DI HARRY CEPKA

Il giovane regista Harry Cepka, al TFF37 con il suo lungometraggio di debutto, esplora le dinamiche di potere nei rapporti interpersonali. “Un film costato 5 anni di sudore, lacrime e sangue”: così Cepka introduce l’opera, resa possibile dalla ormai già consolidata collaborazione con l’attrice Grace Glowicki (di cui ha prodotto Tito, 2019), interprete della protagonista Raf.

Continua la lettura di “RAF” DI HARRY CEPKA

“RAF” BY HARRY CEPKA

Article by: Noemi Castelvetro
Translated by: Viola Locci

The young director Harry Cepka takes part to the TFF37 with his debut feature film. He explores the power dynamics in interpersonal relationships. “It took me five years of tears, sweat and efforts to make this film.” says Cepka to introduce his work, which is the result of the collaboration with the actress Grace Glowicki (of which he produces Tito in 2019) who interprets Raf.

Continua la lettura di “RAF” BY HARRY CEPKA

“L’APPRENDISTATO” DI DAVIDE MALDI

Dopo Frastuono, presentato al TFF nel 2014, Davide Maldi realizza il secondo capitolo di una trilogia sull’adolescenza. Il film, presentato nella sezione TFFDOC/italiana, parte da un presupposto ben preciso: ricercare un contesto in cui dei ragazzi siano portati sin dalla giovane età a imparare un mestiere e, di conseguenza, ad accelerare il proprio percorso di crescita. Da qui deriva la decisione di segire il primo anno scolastico di una classe di cinque studenti di un istituto alberghiero.

Continua la lettura di “L’APPRENDISTATO” DI DAVIDE MALDI

“L’APPRENDISTATO” BY DAVIDE MALDI

Article by: Valentina Velardi
Translated by: Alice De Vicariis

After Frastuono, presented at the TFF in 2014, Davide Maldi makes the second chapter of a trilogy on adolescence. The film, presented in the section TFFDOC/italiana, starts from a clear premise: the search for a context where teens are encouraged to learn a profession at an early age, and so grow up faster. For this reason, Maldi decided to follow the first school year of an hospitality institute class composed of five students.

Continua la lettura di “L’APPRENDISTATO” BY DAVIDE MALDI

“SIMPLE WOMEN” DI CHIARA MALTA

È il 1989 e in televisione scorrono ininterrotte le immagini della morte di Nicolae Ceaușescu e della moglie Elena. Federica (Jasmine Trinca) sta festeggiando il Natale con la sua famiglia quando, per la prima volta, soffre di una crisi epilettica. Qualche anno più tardi è un’adolescente ossessionata dal cult Simple Men (Hal Hartley, 1992) e dal personaggio interpretato da Elina Löwensohn, afflitta nel film dallo stesso disturbo. I destini delle due donne sono destinati a intrecciarsi vorticosamente quando una Federica ormai adulta (e regista) incontra l’attrice rumena per le vie di Roma. La cineasta propone a Elina di interpretare se stessa in un biopic ambientato a Bucarest e l’attrice supera le sue riluttanze nella speranza di riguadagnarsi un successo da tempo sopito.
Simple Women, lungometraggio di esordio di Chiara Malta, dichiara i suoi intenti fin dalle battute iniziali, sovrapponendo registri diversi in un racconto meta-cinematografico che sfuma i confini tra realtà e finzione.

Continua la lettura di “SIMPLE WOMEN” DI CHIARA MALTA

“SIMPLE WOMEN” BY CHIARA MALTA

Article by: Giulia Leo
Translated by: Selene Novaro Mascarello

It’s 1989 and television is broadcasting footage of Nicolae Ceaușescu and his wife Elena’s deaths. Federica (Jasmine Trinca) is spending Christmas with her family when she has her first epileptic seizure. A few years later she is a teenager, obsessed with the cult movie Simple Men (Hal Hartley, 1992) and with Elina Löwensohn’s character, who suffers from the same neurological disorder. Their fates are destined to intertwine when Federica, now an adult and a film director, meets the Rumanian actress in Rome. She offers her a part as herself in a biopic set in Bucharest; despite her initial reluctance, the actress accepts, hoping to regain some of her long-lost fame.
Simple Women is Chiara Malta’s debut film; the director’s intent is made clear from the very beginning, with an intermixture of different registerswithin a meta-cinematic frame in which the lines between reality and fiction are blurred.

Continua la lettura di “SIMPLE WOMEN” BY CHIARA MALTA

“I GIORNI E LE OPERE” BY FRANCESCO DONGIOVANNI

Article by: Ada Turco
Translated by: Viola Locci

Francesco Dongiovanni’s documentary, I giorni e le opere, competes at TFF in the Italian.Doc section. It is about the meeting between two souls. Peppino is a quiet countryman who moves on the blurry line between the past and the present. Dongiovanni follows him paying attention not to trample on that fine line which divides the two dimensions, and that seems to survive only in Peppino. One of the most important features of the film is the breeder’s skillful work, but the director’s touch is also remarkable: the silent long shots – even when they are empty – are characterized by the swinging of the hand-held camera. Thanks to this technique, horizons imperceptibly bend and dissolve, and the loneliness of the different locations appear even more meaningful.

Continua la lettura di “I GIORNI E LE OPERE” BY FRANCESCO DONGIOVANNI

“I GIORNI E LE OPERE” DI FRANCESCO DONGIOVANNI

I giorni e le opere, il documentario di Francesco Dongiovanni in concorso al TFF nella sezione Italiana.Doc, si modella come il perfetto incontro di due anime. Peppino, silenzioso  uomo di campagna, si muove placido sul confine sfocato tra passato e presente. Dongiovanni lo segue a distanza, come nella timorosa accortezza di non calpestare quella delicata linea di confine tra le due dimensioni, che sembra sopravvivere soltanto nella figura di Peppino. Il lavoro sapiente dell’allevatore è certamente al centro del film, ma la mano del regista non passa inosservata: i campi lunghi e silenziosi, anche quando paiono deserti, sono abitati dal dondolio tipico della camera a mano. E così gli orizzonti si piegano e si sformano impercettibilmente e quella solitudine dei luoghi appare ancora più pregnante.

Continua la lettura di “I GIORNI E LE OPERE” DI FRANCESCO DONGIOVANNI

“SWARM SEASON” DI SARAH CHRISTMAN

Le Hawaii sono un meraviglioso, drammatico microcosmo: il turismo ogni anno genera introiti milionari sui quali si regge l’economia dell’isola ma nell’entroterra, lontano dalle spiagge e dai villaggi per vacanzieri, le popolazioni indigene affrontano le dipendenze da “riserva” mentre gli isolani combattono battaglie che hanno a che fare con la sopravvivenza di tutti noi.

Continua la lettura di “SWARM SEASON” DI SARAH CHRISTMAN

Il blog degli studenti del Dams di Torino