Archivi tag: TFFDOC

TFFDOC – APOCALISSE

Oggi il mondo intero vive in una costante emergenza: emergenza climatica, lavorativa, sociale, diplomatica ecc. In questo mondo sembra non esserci più spazio per la normalità, ogni notizia appare come una catastrofe; il mondo intero, sembra giocare sul filo di lana, fra il caos, la distruzione, la mera sopravvivenza e l’evoluzione verso un nuovo mondo. A cosa stiamo andando incontro, se non all’Apocalisse? Questa domanda ha sollecitato la creazione della sezione documentaristica del Torino Film Festival, intitolata “Apocalisse”, dove si esamina il termine nelle sue più svariate sfaccettature.

Continua la lettura di TFFDOC – APOCALISSE

“SEE KNOW EVIL” DI CHARLIE CURRAN

1994, Richard Avedon sta facendo alcuni casting video. Ci sono principalmente giovani. Ragazzi che vivono gli anni Novanta e che ben possono rappresentare un’epoca così intrinsecamente legata al concetto di generazione. Tra di loro spicca un diciassettenne dai denti sporgenti e i capelli biondi. Sono poche inquadrature. Rimango senza parole.

Ha un carisma inadatto alla sua età. Trasmette una forza inedita per un qualsiasi adolescente. Il suo sguardo è vivace nonostante sia circondato dall’artificiosità delle pareti di uno studio fotografico. Ha davanti a sé il più grande fotografo di moda della storia ed è come se stesse raccontando la sua giornata ad un amico d’infanzia.

Continua la lettura di “SEE KNOW EVIL” DI CHARLIE CURRAN

“PORTA CAPUANA” BY MARCELLO SANNINO

Article by: Fulvio Melito

Translation by: Melania Petricola

The door is a multi-symbolic element, a self-assured space between the inside and the outside, it is a limit, an obstacle or a symbol of welcome and transition, a symbol of change. Marcello Sannino, around 2010, decides to talk about Naples and he does it by putting at the centre of his project Porta Capuana; he does not know yet what will be the outcome of the film but what he has for sure is the idea to try to represent Naples and its several peculiarities. Faces, objects, social gatherings, music, screams and laughter; everything passes through that monument which has always been a symbol of transition towards the heart of the city.  Staying nearby you can admire the everyday life that changes but that at the same time, perpetuates the usual routine.

Continua la lettura di “PORTA CAPUANA” BY MARCELLO SANNINO

“PORTA CAPUANA” DI MARCELLO SANNINO

La porta è un elemento multisimbolico, uno spazio franco fra il dentro e il fuori, un limite, un ostacolo, oppure un simbolo d’accoglienza e di transizione, di mutamento. Marcello Sannino, intorno al 2010, decide di raccontare Napoli e lo fa ponendo al centro del suo progetto Porta Capuana; non sa ancora di preciso quale sarà l’esito finale del film, ma ciò che ha per certo è l’idea di tentare di rappresentare Napoli e le sue svariate peculiarità. Volti, oggetti, momenti di aggregazione, musica, urla e risate; tutto passa da quel monumento che da sempre si erge come simbolo di transizione verso il cuore della città; restando nei suoi paraggi si può ammirare il tempo della quotidianità che muta, ma che, contemporaneamente, dente perpetua la solita routine.

Continua la lettura di “PORTA CAPUANA” DI MARCELLO SANNINO

“THE FIRST MOTION OF THE IMMOVABLE” BY SEBASTIANO D’AYALA VALVA

Article by: Gianluca Tana

Translation by: Daniele Gianolio

A deafening music that dazes the listener while at the same time brings him to a far and remote place, a man who claimed to be guided by the Daevas in the composition of his lyrics and who spent his entire life in a psychiatric hospital, heavily stigmatized by the music scene of his own time. In short, Giacinto Scelsi appears to be a character taken out from the pages of a story by H. P. Lovercraft. The documentary by Sebastiano d’Ayala Valva, a descendant of the composer, succeeds in overcoming this damnation memoriae by portraying a man aware of his own means, a precursor of his time who, as often happens to the great visionaries, is not acknowledged by his contemporaries and thus, disdained. Continua la lettura di “THE FIRST MOTION OF THE IMMOVABLE” BY SEBASTIANO D’AYALA VALVA

“IL PRIMO MOTO DELL’IMMOBILE” DI SEBASTIANO D’AYALA VALVA

Un musica turbante che schiaccia l’ascoltatore e al contempo lo trasporta in un altrove lontano e remoto, un uomo che dichiarava di essere guidato nella composizione dai Daeva e che ha trascorso svariati anni della sua vita in un ospedale psichiatrico, criticato dalla scena musicale coeva. Giacinto Scelsi sembrerebbe un personaggio uscito dalle pagine di un racconto di H.P. Lovecraft, ma il documentario di Sebastiano d’Ayala Valva, discendente del compositore, riesce a superare questa damnatio memoriae mostrandoci un uomo conscio dei propri mezzi, un precursore dei tempi che, come spesso accade ai grandi visionari, non viene compreso e per questo rifiutato.   Continua la lettura di “IL PRIMO MOTO DELL’IMMOBILE” DI SEBASTIANO D’AYALA VALVA

“FIGURAS” BY EUGENIO CANEVARI

Article by: Beatrice Ceravolo

Translation by: Luca Bassani

“Do you like black and white films? No? Neither do I”. This is the question Valeria asks her mother Stella, and she does so in a documentary which is shot entirely in black and white. As stated by director Eugenio Canevari during his Q&A at Cinema Massimo, this film comes from an urgent need. After meeting Valeria and getting to know her difficult situation, Canevari felt that he had to do something for this family of three that was struggling with an ailment such as ALS, with no help from any institution whatsoever. The footage was collected through daily, thorough observation of Stella’s reality. Once a very dynamic woman, she ended up having to rely on her daughter and her boyfriend Paco, who also struggles with health issues, to help her in her daily life. Therefore, there was no script during the shooting: the director had to join different elements in order to create an accessible story for the audience.

In this sense, Canevari’s work is indeed praiseworthy: the director’s camera follows the three figuras discretely and respectfully, daring to show each and every part of this sickness without blaming the daughter, who finds it difficult to handle her mother’s profound change. The shots often reflect every character’s claustrophobia by showing the oppressive spaces inside Stella’s flat and enclosing them in frames which consist of doors, door frames and narrow hallways. The main narrative is also punctuated by the parties Valeria goes to in the evening, which represent the passing of days.

Stella cannot speak anymore, but her gentle and alert presence is audible as it is visible: Stella can be heard anywhere, with her breath, the tablet on which she continuously plays with interactive figuras of animals in order to keep her mind active, her loud western films, her old-fashioned songs and the Argentinian tango she dances with Paco, with the help of her medical walker. The overt choice of the black and white aesthetic fits this vision: Stella was living in another time and in another space, watching western films all day long, and Canevari managed to represent this distance through such technique.

The film does not dwell solely on the tragic aspects of the story, as explicitly wanted by the director, but it sometimes alternates impotence with humour, especially from Paco’s character. Canevari and Valeria stated that elements of fiction were added to the real facts in order to tell Stella’s story in the best way, considering that the film is dedicated to her.

At the end of the screening, some members of the audience went to hug Valeria and Canevari, who told them: “The film is for you”. And we thank him.

“FIGURAS” DI EUGENIO CANEVARI

“Ti piacciono i film in bianco e nero? No? A me nemmeno”: questa la domanda di Valeria a sua madre Stella, proprio in un documentario girato interamente in bianco e nero. Il film nasce, come riferito dal regista Eugenio Canevari, al Q&A presso il Cinema Massimo, da una forte esigenza: dopo aver conosciuto Valeria e la sua difficile situazione familiare, Canevari sentì il bisogno di fare qualcosa per tre persone che si stavano misurando con un male come la SLA sostanzialmente senza aiuti da parte di alcuna istituzione. Il materiale è stato raccolto grazie ad un’osservazione giornaliera ed a lungo termine della realtà di Stella, una donna un tempo molto attiva e poi costretta ad essere aiutata in ogni parte della sua vita quotidiana dalla figlia e dal compagno Paco, a sua volta afflitto da problemi di salute; non è dunque stato preparato alcun copione, mentre il compito del regista è stato di unire degli elementi per creare una storia accessibile per il pubblico.

Continua la lettura di “FIGURAS” DI EUGENIO CANEVARI

“IMPETUS” BY JENNIFER ALLEYN

Article by: Cristian Viteritti

Translated by: Giulia Maiorana

Impetus by Jennifer Alleyn is a hybrid film which combines typical expressive forms of documentary films, such as interviews, with fictional ways of narrating. The final product is a film full of storylines and timeframes that lead to a reflection on action and movement’s relevance and strength.

Continua la lettura di “IMPETUS” BY JENNIFER ALLEYN

“IMPETUS” DI JENNIFER ALLEYN

Impetus di Jennifer Alleyn è un film ibrido, che mescola alcune delle tipiche modalità espressive del documentario, come l’intervista, con i mezzi narrativi delle opere di finzione.  Il prodotto finale è un film ricco di intrecci e di linee temporali che terminano in una riflessione sull’importanza e la potenza del movimento, dell’azione.

Continua la lettura di “IMPETUS” DI JENNIFER ALLEYN

“Diorama” di Demetrio Giacomelli

Ogni giorno migliaia di persone si svegliano, prendono l’auto e si recano suoi posti di lavoro o allo stadio. Questa la nostra routine quotidiana, fatta di gesti compiuti senza pensarci, eppure intorno a noi c’è un mondo che continua il suo ciclo. Demetrio Giacomelli con il suo documentario Diorama ci racconta proprio questo mondo invisibile, che vive insieme e accanto a noi, nei nostri luoghi di lavoro o di svago e pure sotto le nostre automobili.

Continua la lettura di “Diorama” di Demetrio Giacomelli

“For Now” by Herman Asselberghs and “Le rêve de Nikolay” by Maria Karaguiozova

Versione inglese a cura del Master in Traduzione per il Cinema, la Televisione e l’Editoria Multimediale

Article by: Dario Grande

Translation by: Valeria Alfieri

Shown together in the “TFFdoc” section of the festival, For Now and Le rêve de Nikolay are two documentaries that – even though they are very different – share the theme of personal dreams and their way of coming true.

Continua la lettura di “For Now” by Herman Asselberghs and “Le rêve de Nikolay” by Maria Karaguiozova

“For Now” di Herman Asselberghs e “Le rêve de Nikolay” di Maria Karaguiozova

Proiettati insieme nella sezione “TFFdoc” del Festival, For Now e Le rêve di Nikolay sono due documentari che, seppur molto diversi tra loro, condividono il tema dei sogni personali e della loro realizzazione. Continua la lettura di “For Now” di Herman Asselberghs e “Le rêve de Nikolay” di Maria Karaguiozova

“I Used to Sleep on the Rooftop” by Angie Obeid

Versione inglese a cura del Master in Traduzione per il Cinema, la Televisione e l’Editoria Multimediale

Article by: Vanessa Mangiavacca

Translation by: Federica Franzosi

I Used to Sleep on the Rooftop is the first feature film by Angie Obeid, a young director from Lebanon. It is a deep piece of work on many levels: the movie camera moves indiscreetly inside the director’s own apartment (and it stays there during the whole movie), while she herself tells the audience Nuhad’s story. Nuhad lives in Damascus with her husband and their two sons (one of which is Angie’s friend). The sudden start of a war forces the woman to re-evaluate her life and to decide to leave.

Continua la lettura di “I Used to Sleep on the Rooftop” by Angie Obeid

“I Used to Sleep on the Rooftop” di Angie Obeid

I Used to Sleep on the Rooftop è il primo lungometraggio realizzato da Angie Obeid, giovane regista di origine libanese. Un lavoro intimo su più livelli: la macchina da presa si muove indiscreta tra le mura dell’appartamento della stessa regista (e lì rimane per tutta la durata del film), la quale racconta attraverso i suoi occhi la storia di Nuhad. Nuhad vive a Damasco con il marito e due figli (uno dei quali amico di Angie): lo scoppio della guerra porta la donna a rivalutare la propria vita e prendere una scelta, quella di partire. Continua la lettura di “I Used to Sleep on the Rooftop” di Angie Obeid

“VA, TOTO!” BY PIERRE CRETON

Versione inglese a cura del Master in Traduzione per il Cinema, la Televisione e l’Editoria Multimediale

Article by: Lucia Grosso

Translation by: Melissa Borgnino

Va, Toto! follows the tale of Madeleine and her little pet boar; of Vincent and his relationship with monkeys, during his trip to India; and of Joseph who, by night, dreams relentlessly while attached to a breathing machine and, by day, takes care of about twenty cats. All these stories are narrated by Pierre, who wants to study the relationship between men and animals by making a film. Continua la lettura di “VA, TOTO!” BY PIERRE CRETON

“VA, TOTO!” DI PIERRE CRETON

Va, Toto! ovvero la storia di Madeleine e del suo cinghialetto domestico, ma anche di Vincent, del suo viaggio in India e del rapporto con le scimmie; e pure di Joseph che di notte, attaccato ad un respiratore, sogna senza interruzione e di giorno accudisce una ventina di gatti. Tutto questo raccontato da Pierre che, filmando, vuole studiare il rapporto tra uomo e animale. Continua la lettura di “VA, TOTO!” DI PIERRE CRETON

“Napalm” by Claude Lanzmann

Versione inglese a cura del Master in Traduzione per il Cinema, la Televisione e l’Editoria Multimediale

Article by: Gianluca Tana

Translation by: Melissa Borgnino

Napalm is the tale of the short romantic encounter between Claude Lanzmann and a young North Korean nurse in 1958. At the time, Lanzmann was a member of the first Western delegation visiting the country after the three-year bloody war. Fate made him find himself alone with a beautiful woman of the Red Cross, with whom he fell in love. The two of them share a romantic afternoon, talking only through drawings, since the only word they can both understand is “napalm”. But the communist party doesn’t allow them to carry on their love affair and, once they find out about their relationship, they are forced to part ways. It’s a strong, intense, and romantic tale, that had the potential of becoming a fascinating story (and it did, on paper). Continua la lettura di “Napalm” by Claude Lanzmann

“Napalm” di Claude Lanzmann

Napalm è il racconto del breve incontro romantico che Claude Lanzmann ebbe con una giovane infermiera nord coreana nel 1958. All’epoca egli era un membro della prima delegazione occidentale in visita nel paese dopo la sanguinosa guerra dei tre anni: per un caso del destino si ritrova da solo con una bellissima donna della Croce Rossa e se ne innamora. I due condividono un pomeriggio romantico, comunicando solo attraverso i disegni, dato che l’unica parola che entrambi riescono a comprendere è “napalm”. Ma il partito comunista non permette ai due di continuare la relazione amorosa e, una volta scoperta, sono costretti a separarsi. Una storia forte, intensa e romantica, che avrebbe tutte le potenzialità per diventare un racconto affascinante (e lo ha fatto sulla carta). Continua la lettura di “Napalm” di Claude Lanzmann

“Approaching the Elefant” di Amanda Rose Wilder

 

Un nuovo modello educativo

Per il suo debutto dietro la macchina da presa, la regista americana Amanda Rose Wilder ha scelto di percorre un terreno quanto mai controverso: quello delle scuole libertarie.

Inserito nella sezione TFFdoc Democrazia, Approaching the Elephant, questo il titolo del documentario, segue il primo anno di attività della Teddy McArdle Free School inaugurata a Littler Fall in New Jersy da Alex Khost, appassionato insegnante e figura “guida” all’interno della struttura.

Continua la lettura di “Approaching the Elefant” di Amanda Rose Wilder